Strozzapreti alle sarde con briciole croccanti all’Olio Don Pietro




Ingredienti per 4 persone


400 g semola

200 g acqua

400 g di sarde

Olio extravergine d’Oliva Don Pietro

50 g uvetta

50 g pangrattato

20 g pinoli

2 spicchi d’aglio

1 peperoncino,

sale e pepe



Mettere l’uvetta in una ciotola e coprire con acqua, scolare quando saranno diventate morbide. Tenere da parte.


Preparare la pasta mettendo la semola sulla spianatoia di legno. Fare un buco al centro ed aggiungere l’acqua tiepida, lasciandone da parte un paio di cucchiai da usare se necessari. Iniziare ad impastare con una forchetta o direttamente con le mani, lavorare l’impasto per almeno una ventina di minuti fino a che la superficie risulta liscia. Coprire l’impasto con una ciotola di vetro o con della pellicola alimentare, lasciare riposare per almeno 30 minuti.


L’impasto si può preparare anche con la macchina impastatrice, ci vorranno pochi minuti.

Intanto tostare in una padella antiaderente i pinoli e tenerli da parte.

Preparare le briciole croccanti in una padella con uno spicchio d’aglio tagliato in due e cucchiai di olio Don Pietro, far scaldare senza far colorare l’aglio. Aggiungere il pangrattato e mischiare bene, far tostare qualche minuto.


Pulire le sarde, togliendo la testa, la coda, le pinne, le squame, la lisca centrale e le interiora. Lavarle e sfilettare, poi tagliare a pezzetti il filetto. Se acquistate le sarde dal pescivendolo potrete chiedere di pulirle. Se acquistate le sarde surgelate saranno già pulite ma controllate la presenza di lische quando le taglierete.


Preparare uno stecchino di legno lungo per tirare la pasta

Dividere in due parti l’impasto della pasta. Tenere coperto la parte che non si sta utilizzando per evitare che si secchi e comprometta la realizzazione della pasta.

Allungare l’impasto come fosse un salsicciotto dal diametro di 0.5 cm circa. Tagliare dei segmenti di pasta di circa 5 cm. Prendere un segmento ed attorcigliarlo un paio di volte sullo stecchino di legno. Con le mani lavorare dal centro della pasta verso l’esterno fino a che lo strozzaprete sarà lungo circa 15 cm. Disporre la pasta su di un vassoio con un velo di semola per evitare che si attacchi.


Preparare il condimento della pasta. In una padella mettere4 cucchiai di olio Don Pietro, uno spicchio d’aglio ed un peperoncino intero, far scaldare a fuoco moderato. Aggiungere le sarde, salare e portare a cottura per pochi minuti. Quando il pesce è cotto incorporare le uvette sgocciolate, i pinoli tostati ed una manciata di finocchietto. Spegnere il fuoco ed aggiungere una macinata di pepe fresco.


Portare ad ebollizione una pentola capiente con dell’acqua. Salare ed aggiungere la pasta fresca. Se sono avanzati dei gambi del finocchietto si possono aggiungere nell’acqua per aumentare l’aroma. Cuocere per circa 8 minuti. Il tempo di cottura varia in base allo spessore della pasta stessa, potrebbe volerci anche più tempo.


Scolare la pasta ed aggiungerla al condimento, far saltare la pasta per qualche minuto. Aggiungere un paio di cucchiai di Olio Extravergine Don Pietro. Servire calda con una spolverata di briciole croccanti.


Note:

Se non si trova il finocchietto selvatico utilizzare la barba verde dei finocchi.


Se non trovate lo stecchino lungo di canna, andrà bene anche uno stecchino degli spiedini. Non utilizzate ferri da maglia o altri metalli non adatti ad uso alimentare. Gli strozzapreti si possono surgelare. Disporre il vassoio con gli strozzapreti distanziati e lasciar congelare almeno una notte, poi conservarli in un sacchetto per il freezer. Al momento di usarli, versarli nell’acqua bollente ancora congelati e proseguire la ricetta fino a cottura ultimata.





0 visualizzazioni0 commenti